Popolari si nasce. Quando nell’estate del 2015 facevano il loro primo concerto a Nida, città lituana sul Baltico, l’allora neonato duo musicale e teatrale Zezigrad – Gyva Itališka Muzika, specializzato in narrazioni, balli e canti popolari italiani, non immaginava che a distanza di appena un anno si sarebbe esibito in occasione dello Skamba Skamba Kankliai, il festival di musica folk più importante della Lituania.

Come ogni anno, il ricchissimo programma dello Skamba Skamba Kankliai proponeva, accanto alla grande tradizione della musica popolare lituana, una rosa di gruppi ospiti provenienti da diversi parti del mondo: dall’Africa al Giappone, dalla Norvegia alla Lettonia, dalla Slovenia all’Ucraina, dall’Armenia all’Italia. Ospiti sui generis, a dire il vero, gli italiani del duo Zezigrdad, visto che entrambi vivono in Lituania da diversi anni. Ospiti in terra d’adozione. Ma è nella natura degli Zezigrad questo essere sempre al limite, mai perfettamente inquadrabili, anomali, imprevedibili; proprio come le loro performance.

Ad ogni modo, lo Skamba Skamba Kankliai è stata un’esperienza interculturale preziosa e quanto mai arricchente, oltre che un’occasione unica per portare la musica popolare italiana per le vie e le piazze principali delle città di Vilnius e di Druskininkai. E ha permesso, cosa di non poco conto, di uscire dalla dinamica del quotidiano e di guardare alla Lituania con occhi diversi; con gli occhi, appunto, dell’ospite viaggiatore. Gli Zezigrad e Italia Terra Mea ringraziano di cuore gli organizzatori del festival, anche per gli sviluppi che da esso hanno tratto origine: il prossimo settembre gli Zezigrad porteranno la musica popolare italiana in Armenia, invitati dal Tonatsuyts Folk Theater, stupefacente gruppo di musica popolare armena conosciuto proprio in occasione dello Skamba Skamba Kankliai 2016. Questa volta, però, la partecipazione avverrà da ospiti veri e propri, in una terra ancora da conoscere.